Stress lavoro correlato

“Cosa bisogna fare per rispondere agli obblighi di legge sullo stress?”

“Devo lavorare sul burnout del personale?”

“Devo effettuare interventi o colloqui individuali con ogni singolo lavoratore?”

NUVOLA_STRESS

Queste sono le domande più frequenti che direzioni e figure di coordinamento riportano all’interno delle strutture socio sanitarie assistenziali sulla tematica dello stress lavoro correlato.

Il decreto legislativo n°81 del 2008 sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro ed in particolare l’art 28, ha reso obbligatorio per il datore di lavoro la valutazione del rischio da stress lavoro correlato secondo quanto previsto dall’accordo quadro europeo, siglato a Bruxelles l’8 ottobre 2004 tra UNICE, UEAPME, CEEP e CES3.

Lo stress non è una malattia, ma una situazione di prolungata tensione può ridurre l’efficienza sul lavoro e può determinare un cattivo stato di salute. Lo stress lavoro correlato può essere causato da fattori diversi come il contenuto del lavoro, l’eventuale inadeguatezza nella gestione dell’organizzazione del lavoro e dell’ambiente di lavoro (Accordo Quadro Europeo, 2008, art. 3), e in generale quando le persone percepiscono uno squilibrio tra le richieste avanzate nei loro confronti e le risorse a loro disposizione per far fronte a tali richieste” (European Agency for Safety and Health at Work, 2000).

Seguendo le indicazioni promosse dalla Commissione Consultiva per la valutazione dello Stress Lavoro Correlato e dalle principali linee guida emerse sul tema, Focos Argento propone interventi atti a rispondere all’obbligo di legge e a trasformare un vincolo normativo in un’opportunità di crescita aziendale.

Case History